Garantiamo qualità a livello europeo e mondiale in conformità al sistema di qualità ISO 9001:2015
TÜV SÜD gestione Service GmbH, Munich, Germania

de en pl ua ru

  • Automechanika Madrid - Motortec - (13-16.03.2019)
  • Automechanika Istanbul (4-7.04.2019)
  • Expomecanica Porto (3-5.05.2019)
  • Automechanika Bologna (22–26.05.2019)
  • Automechanika Birmingham (4-6.06.2019)
  • Automechanika Dubai (10–12.06.2019)
  • Automechanika Moscow - MIMS - (26–29.08.2019)
  • Equip Auto Paris (15–19.10.2019)
  • Sema Show Las Vegas (5–8.11.2019)
  • Automechanika Shanghai (3–6.12.2019)
OE & Aftermarket
ISO IATF 16949*
UE FundsUE Funds

Ordini

Catalogo Prodotti

On-Line

B2B-Business

OE Quality at the best price

Automechanika Video

[4 Videos]

Sport Offroad

[4 Videos]

informazioni tecniche

[9 Videos]

video prodotti

[6127 Videos]

PRODOTTI SPECIALI

SPORT / OFF ROAD / ALTRE

  • Standard Klasse
  • Premium Klasse
  • Sport Extreme
  • Sport Klasse
  • Special Klasse

INNOVAZIONI / BREVETTI

  • Stop Microbe
  • Neo Mag
  • ICS Technology

NUOVI GRUPPI DI ASSORTIMENTO

MS European Production Distribution Automotive Group

Batterie Calcio-Calcio

Batterie Calcio-Calcio

Batterie ioni di litio (Li-Ion)

Batterie ioni di litio (Li-Ion)

Cinghie Poly-V e trapezoidali

Cinghie Poly-V e trapezoidali Master-Sport

Cuscinetti a sfera e a rulli

Cuscinetti a sfera e a rulli

Oli

Oli

Molle della sospensione

Molle della sospensione
Consigli su come utilizzare al meglio il veicolo nei mesi invernali
Con il calo della temperatura, l’olio lubrificante diventa più denso e perde le sue proprietà. Inoltre, durante l’avviamento, se il flusso dell’olio è limitato, gli elementi del motore non vengono lubrificati adeguatamente. Ciò può causare gravi danni, che si manifestano, ad esempio, con un consumo eccessivo di olio lubrificante, un ridotto livello di compressione e un calo di potenza del motore. Senza un adeguato afflusso di olio, l’attrito tra metallo e metallo, presso i cuscinetti, può portare al danneggiamento del motore in fase di avviamento o a un suo minore rendimento (sottolinea l’Esperto di Master-Sport Automobiltechnik (MS) GmbH).

Per proteggere il motore alle basse temperature, l’olio lubrificante deve essere resistente all’addensamento eccessivo e deve restare fluido, in modo tale da garantire un flusso continuo e privo di problemi. La maggior parte degli oli prodotti su base minerale tende ad addensarsi notevolmente, poiché le molecole di paraffina si cristallizzano alle basse temperature. Al contrario degli oli minerali, quelli sintetici contengono meno paraffina. Pertanto, restano fluidi anche alle basse temperature, garantendo una perfetta protezione del motore. Particolari classi di viscosità degli oli interamente sintetici sono create per garantire il funzionamento corretto anche a temperature molto basse. Allo stesso tempo, il motore si avvia più in fretta, e l’usura viene ridotta al minimo.

Indipendentemente dal tipo di olio presente nel motore, quando la temperatura scende sotto i -10 gradi, dobbiamo avviare il motore in modo adeguato. Cosa dobbiamo ricordare?

Non aumentiamo i giri del motore


Guardando le automobili accese nelle giornate invernali, vediamo spesso che il guidatore, dopo aver girato la chiavetta, schiaccia due o tre volte il pedale dell’acceleratore per aumentare il numero di giri. Questo è un grave errore. Come accennato in precedenza, l’olio più denso non lubrifica i cuscinetti del motore, che restano soggetti all’attrito tra metallo e metallo. Dando gas andiamo ad aumentare il numero di giri senza garantire un’adeguata lubrificazione. Ancora peggiore è la situazione dei motori turbocompressi. Poiché la turbina ruota con una velocità fino a 250 000 giri/min (motore Diesel – fino a 6000 giri/min, benzina – fino a 8000 giri/min), e la sua lubrificazione è assicurata dal circuito di lubrificazione del motore (!!!), qualsiasi aumento di regime a motore freddo rappresenta un grave pericolo per il meccanismo dei cuscinetti della turbina, che giorno dopo giorno viene irreparabilmente danneggiato.

Accendi e parti


Un altro mito diffuso da alcuni automobilisti consiste nella necessità di lasciare il motore acceso in folle, fino al raggiungimento di una temperatura adeguata da parte del liquido di raffreddamento. Teoricamente, però, è meno dannoso accendere il motore e partire subito. In questa situazione, infatti, gli attriti creati dal contatto con il piano stradale (spesso coperto da neve e residui di vario genere) e dalla rotazione dell’albero a gomiti e dei cilindri della scatola del cambio nell’olio ancora denso permettono di raggiungere più rapidamente la temperatura di esercizio rispetto a una lunga sosta con il motore al minimo. In pratica, è possibile accendere il motore e rimuovere neve e ghiaccio dai vetri. Tuttavia, attendere che la temperatura aumenti prima di muoversi è da considerarsi un errore.

Primi momenti dopo la partenza


Dobbiamo ricordare che la bassa temperatura dell’olio influisce negativamente non solo sugli oli presenti nel motore e nella scatola del cambio. Anche gli ammortizzatori funzionano peggio, e l’aumento della densità del liquido, accompagnato da un’azione meno efficiente delle valvole, fanno sì che per i primi chilometri si abbia l’impressione di essere a bordo di un carro (forniamo maggiori informazioni sugli ammortizzatori in un articolo a parte). In questa situazione, al posto dell’ammortizzazione delle oscillazioni della carrozzeria, sentiamo gli urti metallici degli elementi. Il periodo in cui l’ammortizzatore non funziona correttamente può causare danni all’ammortizzatore stesso, nonché ai punti di fissaggio di quest’elemento alla carrozzeria e al braccio oscillante, essendo essi esposti al trasferimento delle forze.

Attenzione al traino


In caso di problemi con l’avviamento del motore, molti automobilisti decidono di far trainare il veicolo e di accendere il motore mettendo in moto l’albero a gomiti attraverso il movimento delle ruote (senza usare il motorino di avviamento). Purtroppo pochi sanno che, in questo caso, cresce il rischio di rompere o far uscire di sede la cinghia di distribuzione. Ciò è dovuto alle condizioni di funzionamento svantaggiose dell’impianto di distribuzione. Il motorino di avviamento, infatti, fa ruotare l’albero a gomiti in modo equilibrato, mentre nel caso del traino lasciamo improvvisamente la frizione e imponiamo all’albero a gomiti un movimento improvviso. La cinghia, in questo caso, può non reggere la sollecitazione, uscendo di sede o rompendosi. Tale pericolo è potenziato dalle basse temperature, a causa delle quali l’olio diviene molto denso e aumenta la propria resistenza in fase di avviamento.

Ricordiamoci, quindi, di questo consiglio. In inverno, accendiamo il motore delicatamente e percorriamo i primi chilometri in modo lento e prudente (evitando le buche). Anziché contare sull’aiuto dei vicini, accertiamoci di avere una batteria in buone condizioni.

Ultimo ma non meno importante – l’olio deve rispettare le norme di lubrificazione (maggiori informazioni sull’olio sono contenute nell’articolo Olio per motori – aspetti da considerare).
Durante la frenata dell’automobile, l’energia cinetica viene trasformata in energia termica dell’elemento frenante, in seguito all’attrito da pastiglia e disco. Anche per questo, è estremamente importante che l’elemento frenante funzioni correttamente in presenza di varie masse del veicolo (sia in p (...)
di più >
Parlando delle moderne sospensioni, pensiamo quasi sempre ai bracci oscillanti, agli ammortizzatori o alle barre di torsione. Il sistema di molleggio e riduzione del rollio del carrozzeria, tuttavia, è molto più complesso. Uno degli elementi fondamentali è appunto la… molla della sospensione. Teo (...)
di più >
L’olio per motori è un elemento chiave della “circolazione sanguigna” del motore. Dai suoi parametri e dalle sue proprietà fisiche dipendono l’efficienza del gruppo motopropulsore, il consumo di carburante e il corretto uso del motore. Il lubrificante viene distribuito attraverso il cosiddetto circu (...)
di più >
Solitamente, chi acquista le pastiglie per i freni si interessa unicamente al prezzo del prodotto. Il cliente medio, infatti, è convinto che il fabbricante delle pastiglie, adattandole a un dato modello, abbia effettuato tutte le verifiche, i controlli e le analisi, e che il prezzo sia solo un effet (...)
di più >
Il filtro del carburante è un elemento destinato a ridurre l’afflusso di carburante sporco agli elementi di iniezione. È particolarmente importante nel caso dei moderni sistemi di iniezione della benzina e degli impianti common rail adottati nei motori Diesel. In questi nuovi sistemi, infatti, le co (...)
di più >
Durante la costruzione dell’impianto frenante, destinato a limitare la velocità/arrestare il veicolo, i dischi frenanti e le pastiglie sono trattati come una coppia strutturale. Tutti i calcoli relativi all’efficienza della frenata e alle variazioni dell’efficacia in seguito alla temperatura degli e (...)
di più >
L’olio del motore a combustione interna ha il compito di garantire la lubrificazione dei punti di contatto mobili. Le sue proprietà (definite secondo le norme ASE o API) permettono di selezionarlo a seconda delle condizioni di funzionamento. Tuttavia, durante l’uso, l’olio si sporca mescolandosi con (...)
di più >
Gli ingegneri dell’azienda Master-Sport affrontano la problematica dell’arresto del veicolo a seconda dello stato tecnico dell’auto e delle predisposizioni del conducente. In teoria, lo spazio di frenata (a cui si riferiscono le case produttrici e i giornalisti che diffondono i dati) corrisponde (...)
di più >
– Master-Sport migliora gli standard OE Master-Sport punta sull’innovatività in Polonia La proprietà intellettuale è il miglior motore della competizione tra i fornitori di tecnologie. Per il team di specialisti impegnati nei lavori di ricerca e sviluppo, si tratta di un’occasione per il coinvolgi (...)
di più >
Gli ammortizzatori appartengono al novero degli elementi più importanti, ma al tempo stesso meno considerati, dell’automobile. Permettono di mantenere un continuo contatto tra le ruote e la superficie stradale e garantiscono un comfort di marcia adeguato, grazie all’attutimento delle vibrazioni tras (...)
di più >
* in fase di implementazione avanzata